Rivivere Borgo appoggia ENRICO GALVAN

Riteniamo che il 26 maggio la lista “Rivivere Borgo” abbia ottenuto un grande risultato, avendo ricevuto l’apprezzamento di 276 elettori, corrispondenti al 6,86% dei votanti.

Ringraziamo tutti i candidati che si sono spesi per far conoscere il progetto, chi ci ha dato fiducia e chi avrebbe voluto ma non ha potuto.

Abbiamo ottenuto più preferenze di altre liste che avevano alle spalle segreterie di partito (“Agire per il Trentino”) e che candidavano al loro interno esponenti di famiglie influenti nella comunità (“Borgo e Olle uniti per il cambiamento” e “ViviAmo Borgo e Olle”).

Tutto ciò non è stato sufficiente per ottenere una rappresentanza concreta all’interno del Consiglio Comunale a causa della norma che prevede la riduzione dei posti al suo interno. In passato altre liste che avevano ottenuto minore consenso di noi hanno ottenuto una seppur minima rappresentanza nel Consiglio Comunale.

Già dall’ inizio della nostra esperienza il collante della lista è stato il rilancio della comunità attraverso la realizzazione di iniziative concrete e non con facili proposte demagogiche e vaghe.

Abbiamo sempre sostenuto di non avere pregiudizi ideologici e siamo e saremo sempre disponibili a dialogare con chi ci dà modo di portare avanti il nostro programma.

Come aveva dichiarato alla stampa, il candidato Sindaco Enrico Galvan ci ha convocati nel suo ufficio per un confronto, nel quale ha espresso apprezzamento per quanto abbiamo fatto. Studiando e valutando tutti i programmi delle forze in campo, ha constatato la presenza nel nostro di critiche legittime ma soprattutto di proposte innovative e per nulla ingenue, dalle quali ha potuto riconoscere la qualità dell’impegno che abbiamo profuso.

Galvan per una questione di coerenza e rispetto verso i suoi candidati ci ha altresì confermato che non avrebbe proposto nessun apparentamento per il ballottaggio ma ha proposto un impegno a portare avanti le varie idee che ha avuto modo di apprezzare.

Condividendo quest’impostazione e dato che è stato l’unico ad avere questo tipo di sensibilità, la nostra lista intende supportarlo dando indicazione esplicita di voto nei suoi confronti.

Dopo molteplici riflessioni siamo consapevoli che la mancata rappresentanza non sia imputabile alla povertà delle idee ma al fatto che non rappresentiamo grossi interessi: siamo sicuri che negli anni muteranno gli interessi e i loro portatori ma non cambieranno le idee e l’esempio che abbiamo dato partendo dal basso e dalla nostra gioventù.

Proprio per l’importanza che diamo alle idee e non potendo portarle avanti personalmente, abbiamo apprezzato la serietà e la coerenza di Enrico, che si è preso nei nostri confronti una responsabilità importante.

Alla luce dei fatti ribadiamo convintamente il nostro sostegno, ma senza rinunciare alla nostra indipendenza di pensiero.

Rivivere Borgo

Lascia un commento

Scroll to top